Il nome della “ruspa”

Scraper automotrice 631G di Cat
Scraper automotrice 631G di Cat

Mi dispiace parafrasare il più famoso romanzo dell’indimenticabile Umberto Eco (cui rivolgo scuse postume), ma mai titolo migliore avrebbe potuto calzare a pennello a un fenomeno tanto diffuso tra quelli che dovrebbero essere i professionisti della comunicazione. Qual è il misterioso meccanismo  che fa sì che tutti – ma proprio tutti – i giornalisti “non tecnici” (e purtroppo anche moltissimi operatori) usino la denominazione ruspa per  indicare genericamente macchine movimento terra?

Gli esempi più eclatanti vengono dalla televisione quando, soprattutto in occasione di calamità naturali o demolizioni spettacolari, i colleghi, per semplificare, chiamano “tout court”  ruspe escavatori, pale, terne….facendo di ogni erba un fascio. Ma le “perle” non mancano neppure sulla carta stampata.

A questo punto è necessario fare un po’ di chiarezza. La ruspa era un attrezzo trainato da buoi il cui utilizzo risale all’epoca tardo romana.  Consisteva in una sorta di aratro che, al posto del vomere,  montava una specie di scatola  con tagliente anteriore a due manici posteriori e aveva il compito di “raschiare” il terreno quando occorreva livellarlo.

sinistraQuesta configurazione di base rimase pressoché invariata fino ai tempi della motorizzazione quando negli Usa è stata creata quella gigantesca macchina chiamata scraper  che ha esattamente le funzioni dell’antica ruspa  e che è quindi l’unica da avere il diritto di essere chiamata con questo nome!

L’equivoco terminologico è nato dal fatto che  lo scraper, macchina  adatta ai grandi spazi, in Italia, a causa della particolare morfologia del territorio, è praticamente sconosciuta anche  agli addetti ai lavori. Figuriamoci ai giornalisti….

testoIn aggiunta, nell’immediato dopoguerra, gli operatori hanno iniziato a chiamare ruspe i bulldozer che, sempre negli Usa, raschiavano il terreno e spingevano masse enormi di terra: a questo punto la confusione è aumentata perché la traduzione italiana esatta del termine bulldozer non è ruspa, bensì apripista.

Ecco perché la parola ruspa oggi viene utilizzata dalla stragrande maggioranza dei giornalisti per  indicare una qualsiasi macchina movimento terra. E se, pur tirata per i capelli, può esistere una lontana attinenza con il bulldozer che, più o meno, ha la stessa funzione della ruspa,  l’adozione di questo termine per escavatori e affini è assolutamente inaccettabile.

destraMolti obietteranno (a ragione) che, ruspa o non ruspa, l’importante è che la macchina funzioni, sia produttiva, costi poco, duri a lungo, non dia problemi. E questo, dal punto di vista degli utilizzatori è ovviamente prioritario.

Ma prima di informare, i responsabili della comunicazione dovrebbero essere “formati” (come è giusto che sia per ogni attività), specie quando ci sono in ballo terminologie tecniche che non tutti sono obbligati a conoscere.

Sollecitazioni in tal senso sono già state mandate alle nostre principali reti televisive. Chissà se otterremo qualche risultato…..

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here