Digitalizzazione

Anche gli algoritmi sbagliano

Gli algoritmi hanno un ruolo sempre più importante nella vita dell’uomo, ne guidano le decisioni e ne condizionano le riflessioni. Ma quali sono i rischi che si celano dietro questa evoluzione del rapporto tra macchina e uomo?

Lo spunto di riflessione è offerto da un articolo di Timandra Harkness (già autrice del libro “Big Data. Does Size Matter?” ) pubblicato sulla rivista britannica on line Unherd.

Che parte da una constatazione: gli algoritmi non sono infallibili e spesso commettono errori, quindi la tecnologia non è perfetta. Pensiamo a quelli per il riconoscimento facciale che spesso sbagliano a classificare i volti di donne nere, indicandoli come volti maschili. Ed è già capitato in passato che il riconoscimento di una telecamera si sbagliasse, finendo per accusare di un crimine la persona sbagliata.

Da qui l’articolo arriva al cuore della riflessione: “Non è solo che i programmi non sono abbastanza intelligenti, è che non condividono i nostri valori. Più deleghiamo le nostre decisioni alle macchine e più sarà necessario avere una tecnologia affinata, sofisticata, capace di sobbarcarsi una mole di lavoro sempre maggiore, quindi con un peso maggiore“, scrive l’autrice.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here