Usato

Usato: cresce la domanda di macchine

La domanda globale di macchine e attrezzature usate continua ad aumentare.  E mentre l’industria delle costruzioni è stata indubbiamente  colpita dalla pandemia, il rallentamento non è stato globale. In molti Paesi, infatti, i progetti infrastrutturali hanno visto i lavori di costruzione tornare a livelli pre-pandemia. Allo stesso tempo, molti settori come l’agricoltura, la silvicoltura e l’industria mineraria si sono sempre più rivolti alle attrezzature usate per soddisfare le loro attuali esigenze di macchinari.

Un’enorme domanda

Karl Werner

Abbiamo assistito a un’enorme domanda globale di macchinari usati“, afferma Karl Werner, President International, di Ritchie Bros. In tempi di incertezza, le aziende tendono ad acquistare macchinari usati piuttosto che nuove attrezzature per evitare grandi impegni finanziari.

Questo passaggio agli acquisti di macchinari usati è coinciso con la segnalazione di alcuni OEM che hanno sperimentato problemi nella  catena di approvvigionamento a causa della pandemia. Altri  nel 2020 hanno ridotto i volumi di produzione  per proteggere i dipendenti durante il blocco, e questo ha anche influito sulle nuove consegne di macchine. “Tempi di attesa più lunghi per le nuove apparecchiature stanno alimentando la domanda di macchinari usati, che sono immediatamente disponibili. Tutti questi fattori combinati hanno creato una tempesta perfetta che sta guidando la forte domanda di attrezzature pesanti usate, con conseguente buone prestazioni in termini di prezzo per i venditori“, ha continuato Werner.

Gli indicatori della domanda

Le aste di macchinario usato di questo inizio 2021 sono indicative dello stato del mercato. L’elevata domanda è stata perfettamente dimostrata all’ultima asta di Ritchie Bros. a Orlando, in Florida, la più grande asta dell’anno dell’azienda. In totale, più di 12.000 articoli sono stati venduti per oltre 191 milioni di dollari durante l’evento di sei giorni a metà febbraio. Skid steer e terne hanno registrato prestazioni di prezzo particolarmente elevate, seguite da pale gommate, macchine per il sollevamento e apripista. Anche la partecipazione all’asta di Orlando ha raggiunto livelli record – attirando oltre 22.700 offerenti online da oltre 80 paesi – il 25% in più rispetto alla stessa asta del 2020.

In una recente asta a Moerdijk, nei Paesi Bassi, le immatricolazioni degli offerenti sono state del 19% rispetto allo scorso anno. Con oltre 2.580 partecipanti online provenienti da 92 paesi, l’asta ha registrato il maggior numero di offerenti in cinque anni. Circa l’80% dei macchinari è stato venduto agli offerenti al di fuori dell’Olanda, a prezzi elevati: le macchine in offerta in media, hanno recuperato il 5% sopra il prezzo d’asta dell’evento Moerdijk dello scorso novembre.

Il passaggio alle offerte solo online ci ha permesso di attirare nuovi tipi di clienti sul nostro mercato“, afferma Karl Werner. “I servizi più nuovi, come il nostro sistema di aste a tempo online, stanno rendendo più accessibili le aste di attrezzature usate, soprattutto per le piccole e medie imprese. Le aste a tempo sono intuitive e c’è più tempo per fare offerte“.

L’on line vola

La pandemia ha accelerato le tendenze che erano già ben avviate, comprese le offerte online. Nel 2020 più di 470.000 nuovi utenti hanno scaricato l’app mobile Ritchie Bros., con un aumento del 78% rispetto al 2019. Nel corso del 2020, i clienti hanno effettuato più di 24 milioni di ricerche di attrezzature e visualizzato 30 milioni di articoli nell’app mobile di Ritchie Bros. Oggi, gli utenti di app mobili rappresentano circa il 30% dei clienti.

Secondo Werner, questo passaggio alle transazioni online non solo amplia il mercato per acquirenti e venditori di attrezzature, ma crea anche nuove opportunità di informazioni sui dati.

I dati sono il nuovo petrolio“, afferma Karl. “E non solo aiutano noi ma ci permettono anche di aiutare i nostri clienti. Abbiamo molti dati sulle transazioni di macchinari usati – vendiamo più macchinari di qualsiasi altra azienda al mondo – siamo in grado di raccogliere e presentare dati per aiutare i nostri clienti a gestire le loro attività in modo più efficiente“.

Questo tipo di informazioni apre nuove possibilità per i proprietari di macchine che  saranno in grado di capire quando è il momento migliore per vendere o acquistare, a seconda del tipo di macchina, dell’utilizzo delle ore, dell’età della macchina e altro ancora.

Sebbene la pandemia globale abbia causato instabilità in tutti i settori, ci ha costretti ad adattare il modo in cui facciamo affari e ha accelerato il lavoro a distanza e l’organizzazione degli asset online. Non crediamo che questo trend subisca un ridimensionamento quando  le restrizioni verranno revocate. Molto probabilmente in futuro ci sarà un modello ibrido che darà ai nostri acquirenti e venditori l’accesso a un mercato globale più ampio“.

Karl Werner, Presidente Internazionale, da 25 anni in Ritchie Bros. il prossimo 31 marzo lascerà l’incarico a Kari Taylor, Presidente, North America Sales, che si concentrerà sulla promozione della crescita delle vendite a livello globale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here