Piattaforme & C.

JLG al GIS punta sul full electric

JLG ha esposto al GIS un’ampia gamma di modelli di punta del suo portafoglio.  Protagoniste sono state le macchine full electric, a dimostrazione della continua corsa di JLG verso l’elettrificazione dei mezzi destinati all’accesso aereo.

Tra questi spicca la piattaforma a braccio completamente full electric  EC520AJ, in linea con l’orientamento dell’azienda allo sviluppo costante di attrezzature di accesso con impatto ambientale sostenibile. Modello della nuova gamma di piattaforme a braccio articolato di media dimensione, la EC520AJ è equipaggiata di serie con batterie al litio, 2 ruote motrici e assale anteriore oscillante garantendo capacità ottimali anche su terreni semi-accidentati.

Con un’altezza di lavoro di 18 metri e una capacità massima di carico di 250 kg, la EC520AJ rappresenta una valida alternativa alla controparte diesel convenzionale, ma con il vantaggio di ridurre al minimo la rumorosità e le emissioni. Questo rende la piattaforma particolarmente indicata per applicazioni edili nelle aree urbane.

Un geniale full electric

Altro protagonista rispettoso dell’ambiente è il sollevatore a pantografo DaVinci™ AE1932 da 5,79 m, con capacità di carico da 275 kg in interni ed esterni. Lanciato a marzo di quest’anno, il DaVinci è caratterizzato dall’essere completamente elettrico e totalmente privo di componenti idrauliche responsabili di perdite di olio. Questa tecnologia consente l’apertura a nuove possibilità e applicazioni in ambienti quali alberghi, musei, ospedali, centri commerciali o spazi urbani, dove l’assenza di perdite idrauliche è condizione necessaria.

Con una velocità di 6.44 km/h, il DaVinci si muove due volte più rapidamente dei sollevatori a pantografo tradizionali, velocizzando gli spostamenti in cantiere. Ogni sua componente è ottimizzata, dai comandi al meccanismo di salita, dalla trasmissione allo sterzo, per ridurre i consumi energetici fino al 70% rispetto alle macchine tradizionali e riuscire a utilizzare un’unica batteria a ioni di litio.

Le macchine Power Tower

Lo stand JLG ha visto esposte anche le macchine dal peso ridotto della serie Power Tower, facilmente trasportabili e in grado di lavorare in spazi ristretti e su pavimenti delicati. Questi mezzi sono caratterizzati dall’essere a movimentazione totalmente manuale e a emissioni zero. Si tratta di modelli specifici per gli interventi di manutenzione leggera e per le esigenze variabili delle applicazioni di stoccaggio e distribuzione. Rappresentano un sostanziale cambiamento nella modalità di accesso a basse quote nonché un’area in crescita per JLG, sempre più orientata alla sicurezza. Le macchine Power Tower hanno infatti l’obiettivo primario di fornire un’alternativa semplice ed efficace all’uso di mezzi meno sicuri ancora oggi responsabili di gravi incidenti sul lavoro.

Foto n.1: da sx Nicola Pontini, General Manager JLG Italia; Francesca Gorini, Service Manager JLG Italia

I visitatori dell’area espositiva JLG hanno inoltre potuto ricevere approfondimenti sulle novità relative al Customer Care e i dispositivi innovativi installabili sulle macchine.

Tra essi il Telematics Clearsky che, consentendo il collegamento della flotta al portale JLG, assicurare un’assistenza proattiva, una manutenzione programmata, e una reportistica periodica sull’utilizzo delle macchine in base alle funzioni che si vogliono tenere monitorate. In questo modo JLG è in grado di fornire alla clientela una vasta gamma di soluzioni connesse che si traducono in valori tangibili per le aziende.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here