Sicurezza

IPAF: quanto sono sicure le PLE?

Apertura

Le prime elaborazioni relative al tasso di incidenti mortali, confermano le piattaforme di lavoro elevabili (PLE) quali mezzi tra i più sicuri per l’esecuzione di lavori temporanei in quota.

Queste nuove analisi integrano i dati già pubblicati da IPAF nel 2014 sugli incidenti correlati all’uso di PLE indicando che, sebbene il numero complessivo di PLE disponibili per il noleggio sia aumentato, la percentuale di incidenti mortali è diminuita.

I calcoli di IPAF per il tasso degli incidenti mortali legati all’uso di PLE, tengono conto dei seguenti fattori:

  • Numero stimato di macchine a noleggio, in base ai rapporti IPAF sul mercato del noleggio dei mezzi di accesso aereo.
  • Tassi di utilizzo medi stimati per ogni Paese e per tutto il mondo (come tasso di utilizzo si intende la quota percentuale del parco macchine effettivamente noleggiata nel corso di un intero anno).
  • Media annuale dei giorni lavorativi (5 giorni alla settimana per 50 settimane).
  • Numero di incidenti mortali correlati all’uso di PLE in un determinato anno, sulla base delle segnalazioni ottenute attraverso il progetto mondiale “Accident Database IPAF”.

 

testoNella presentazione della ricerca, Chris Wraith, responsabile tecnico e per la sicurezza di IPAF, ha sottolineato come il calcolo del tasso di incidenti mortali effettuato da IPAF – basato sul rapporto, a livello mondiale, tra numero di incidenti fatali correlati alle PLE, numero di macchine disponibili e tasso di utilizzo stimato – impieghi solamente i dati relativi alle macchine a noleggio, in quanto non sono, al momento, disponibili informazioni precise sul numero totale di macchine di proprietà di utenti finali e sul loro tasso di utilizzo.

A partire dal numero stimato di macchine nei parchi noleggio, dal tasso di utilizzo medio e dalla media annuale dei giorni lavorativi, per il 2013 è stato calcolato un numero di giorni di utilizzo, in tutto il mondo, pari a 168,4 milioni.

Con 68 decessi correlati all’uso di PLE registrati a livello mondiale nel 2013, il tasso di incidenti mortali (ovvero il numero di decessi per ogni 100mila giorni di impiego di una macchina a noleggio) risulta così lo 0,040.

OLYMPUS DIGITAL CAMERAPer il 2014, il numero totale di giorni di esercizio delle macchine a noleggio, su tutto l’anno, è stato di 182,4 milioni, mentre i decessi segnalati sono stati 64, dal cui calcolo risulta un tasso di incidenti mortali dello 0,035.

Per ottenere una più corretta prospettiva, il tasso di incidenti fatali legati all’uso di PLE è stato raffrontato con altri dati disponibili a livello mondiale relativi a incidenti e morti sul lavoro. A tale scopo sono stati reperiti dati ufficiali relativi alla proporzione tra incidenti e totale della forza lavoro per Francia, Regno Unito, Singapore e Stati Uniti. In particolare si è confrontato il numero di decessi in seguito a cadute dall’alto con il numero totale di morti sul lavoro per ogni 100 mila lavoratori.

Questa analisi ha dimostrato come le PLE rappresentino il mezzo comparativamente più sicuro per i lavori in quota. Ad esempio: negli Stati Uniti, il tasso di incidenti mortali legati all’uso di PLE su 100mila lavoratori nel 2013 (l’anno più recente di cui si  dispongono dei dati) è stato dello 0,03, a fronte di un tasso di incidenti mortali dovuti a cadute dall’alto su 100mila lavoratori dello 0,4 (in questa cifra non sono stati conteggiati i decessi in seguito a caduta dall’alto connessi all’impiego di PLE) e di un tasso di incidenti mortali dovuti a qualsiasi causa, su 100mila lavoratori, del 3,27 (anche in questo caso non sono stati conteggiati i decessi connessi all’impiego di PLE).

Il tasso di incidenti mortali correlati all’uso di PLE è stato quindi ulteriormente analizzato stabilendo dei confronti con altri importanti settori dell’industria. Tuttavia, nel corso della ricerca si sono riscontrate scarse analogie tra le varie modalità di segnalazione e tracciamento degli incidenti mortali impiegate nei diversi settori.

Tutti i calcoli e i confronti sono stati controllati e convalidati dalla Ducker Worldwide, una rinomata società di consulenza e marketing industriale orientata alla ricerca e specializzata in attrezzature e materiali da costruzione.

Il grafico allegato  mostra il tasso di incidenti mortali legati all'uso di PLE per milioni di giorni di noleggio di PLE a livello mondiale.
Il grafico allegato  mostra il tasso di incidenti mortali legati all’uso di PLE per milioni di giorni di noleggio di PLE a livello mondiale.

Il direttore generale di IPAF Tim Whiteman aggiunge un’importante informazione: “Stiamo valutando la praticabilità di una distinzione tra incidenti in cui sono coinvolte attrezzature a noleggio e incidenti legati a macchine di proprietà degli utenti finali. Questo innovativo progetto ci aiuta a sviluppare delle campagne ancora più mirate per la sicurezza e a migliorare i nostri programmi di formazione. Ogni commento e ogni suggerimento in questo senso è benvenuto.”

“Grazie al progetto di segnalazione degli incidenti, lanciato nel 2012, IPAF sta creando progressivamente una banca dati esaustiva degli incidenti noti. Alcuni dati pubblicati di recente informano che nel 2014 si sono registrati 64 casi di decessi correlati all’impiego di PLE. I rapporti IPAF sul mercato del noleggio ci portano a stimare il numero di PLE da noleggio disponibili nel mondo a più di 1,1 milione (www.ipaf.org/reports)”.

I dati relativi a incidenti correlati all’uso di PLE per il 2014, indicano una leggera diminuzione degli stessi rispetto al 2013. I dati 2013 sono stati corretti verso l’alto sulla base di nuove informazioni segnalate, che definiscono in 68 il numero dei decessi.

Ne risulta un tasso di incidenti mortali dello 0,040, a fronte dello 0,035 dell’anno successivo. Inoltre, l’analisi dei dati per il 2014 mostra come cadute dall’alto e ribaltamento rimangano le due principali cause di incidenti mortali.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here