Piattaforme a braccio telescopico

E’ made in Italy la Genie® S®-65 XC™ 

In seguito al forte interesse mostrato dai  clienti durante lo scorso Intermat, Genie ha avviato la produzione della nuova piattaforma a braccio telescopico Genie® S®-65 XC™  a Umbertide (Pg) per la regione EMEAR.

Le consegne dei nuovi S-65 XC sono programmate a partire da Ottobre 2018. Per i clienti di Austria, Germania e Svizzera, Genie esporrà un prototipo della S-65 XC al Platformers’Day che si terrà in Hohenroda il 14 e 15 Settembre.

Una vasta gamma di applicazioni

La nuova piattaforma S-65 XC, come tutte le piattaforme Genie XC, consente di effettuare una più ampia gamma di lavori con sollevamento di carichi pesanti sia per il settore delle costruzioni che industriale. Offre  una doppia capacità di sollevamento di 300 kg senza restrizioni e di 454 Kg con restrizioni. E permette di portare fino a tre persone in cesta, lasciando allo stesso tempo spazio per attrezzi e materiali di lavoro.

“La nomenclatura XC fa sapere ai clienti che con un nuovo modello Genie Xtra Capacity possono operare in più applicazioni rispetto a quanto possibile con una macchina standard”, dice Zach Gilmor, Responsabile di Prodotto Genie, Terex AWP. “Grazie agli aggiornamenti nella progettazione e tecnologia di queste piattaforme a braccio, questi modelli Genie XC possono portare molto più carico – 300 kg senza restrizioni e 454 kg con restrizioni – rispetto ai loro predecessori. Le piattaforme a braccio Genie XC sono progettate per essere performanti”.

La prima made in Italy

La nuova piattaforma a braccio telescopico S-65 XC si aggiunge alla piattaforma a braccio articolata Z-45 XC. Ed è il primo modello di piattaforma a braccio telescopico XC ad essere prodotto nello stabilimento di Umbertide, Italia. E’ il “Centro di Eccellenza” per la produzione di piattaforme a braccio Genie per le regioni di Europa, Medio Oriente, Africa e Russia (EMEAR), dedicato alla produzione delle piattaforme a braccio Genie. Che sono le più conosciute tra i clienti del mercato dell’area EMEAR, già dotate degli optional da loro preferiti.

Con un’ altezza massima di lavoro di 21,81 m, la  S-65 XC è l’ultima macchina aggiunta alla gamma in continua espansione di piattaforme a braccio Genie Xtra Capacitiy™ (XC).

Tutto sotto controllo

La nuova S-65 XC presenta il controllo automatico del raggio di azione. Esso comporta la retrazione del braccio quando questo ha raggiunto il limite del proprio campo di azione. E permette un posizionamento più semplice della piattaforma ed un maggiore comfort per l’operatore. Inoltre una cella di rilevamento del carico  tiene sotto continuo controllo il peso in piattaforma e limita il raggio di azione in base alla tabella di carico. Il tutto accompagnato dalla facoltà di calibrare il braccio in cantiere, a carico zero.

La S-65 XC offre anche un’area di lavoro estesa grazie al nuovo sensore di pendenza dello chassis incorporato nelle funzioni della macchina. Questa unica tecnologia del sensore di pendenza dello chassis dà all’operatore l’accesso a diversi range di movimento in base all’angolo di posizionamento dello chassis. Ed è studiato in modo da escludere automaticamente le funzioni di sollevamento o di traslazione quando il limite di pendenza è stato raggiunto.  “Grazie all’incorporazione di questa tecnologia, queste nuove piattaforme Genie XC non solo portano molto più carico rispetto a prima ma sono anche in grado di ottimizzare il raggiungimento di aree di lavoro difficili da raggiungere in cantieri particolarmente impegnativi”, aggiunge Gilmor.

Tutte le piattaforme Genie XC (ad eccezione dello Z-45 XC) sono state aggiornati con l’avanzato Sistema di controllo di ultima generazione di tipo CAN, che include il più noto e conosciuto Sistema di controllo Genie SmartLink™ che è presente nelle più popolari piattaforme a braccio Genie. Il layout dei comandi su queste macchine sarà per gli operatori logica ed intuitiva, rendendo così il funzionamento delle piattaforme facile e immediato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here