Grandi sfide

Aeroporto di Daxing: una sfida possibile

Credit STR/AFP/Getty Images

Una prodezza dell’ ingegneria cinese, senza ombra di dubbio. lBeijing Daxing International Airport, il nuovo aeroporto di Pechino, a forma di stella marina a sei punte disegnato da Zaha Hadid, non può che essere definito così. E anche una grande sfida.

I numeri

Pensare che cinque anni fa Daxing era una terra desolata ubicata a sud di Pechino. ora è un terminal da 1,4 milioni di metri quadrati, in cui ci starebbero un centinaio di campi di calcio. Ma ai passeggeri basteranno solo 8 minuti per raggiungere il gate di imbarco più lontano dopo il check-in. 7 piste di cui una per i voli militari. Torre di controllo in grado di gestire 300 decolli e atterraggi all’ora.  15 miliardi di euro di investimento, saliti a 50 con le strutture di collegamento: autostrade, metropolitana, ferrovia veloce. 45 milioni di passeggeri all’anno nel 2020, 72 milioni nel 2025, 100 milioni subito dopo.  2 milioni di tonnellate di merci, gestite con sistemi di intelligenza artificiale. Acciaio. Vetro, cinque giardini interni, riconoscimento facciale e tecnologie avanzate fornite da Huawei.Quasi 1.000 unità edili hanno partecipato alla costruzione che non ha visto incidenti. Nei momenti di massima operatività, nel cantiere lavoravano circa 50.000 persone. Stiamo parlando di un edificio ecologico al 100 percento, con un tasso di utilizzo delle risorse riciclabili che arriva fino al 16 percento. Daxing sarà coperto dalla rete 5G. Tutto questo in soli cinque anni. Cinque.

La grande sfida

Xi Jinping, all’inaugurazione ha citato una poesia scritta da Mo nel febbraio 1935, durante la Lunga Marcia. “Gli ignavi dicono che Loushan è un muro di fuoco. Noi lo abbiamo varcato“. Il messaggio, neppure tropo subliminale, è che la Cina è determinata a vincere ogni sfida, compresa quella del dominio commerciale dei cieli. E il nome stesso di questo fantascientifico hub significa “Grande prosperità”, un segno inequivocabile di buon auspicio. Certo che è un indice chiarissimo dell’enorme volontà di crescita cinese. Quest’opera mette paura per la sua imponenza. Ma suscita un’ammirazione infinita per la forza propulsiva che ne ha consentito la costruzione. Che non è solo desiderio di supremazia commerciale. Ma capacità di fare. Fare bene. Fare in tempi veloci. Essere protagonisti -con il lavoro di tutti  della Storia futura del Paese. Piccola curiosità:gli operai addetti agli scavi si sono imbattuti i in un antico cimitero risalente alla dinastia Qing con oltre 200 tombe. Nell’area sono stati ritrovati braccialetti, ceramiche, ciotole e gioielli. Un richiamo al passato e ai fasti di un impero millenario che oggi vuole riprendersi il posto che gli spetta nella Storia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here