Gru trainate

Una AHK 30/1500 KS Böcker sui tetti

Una gru trainata AHK 30/1500 KS  di  Böcker  all’opera in un cantiere di Novara in cui Carlesso Coperture si è occupato del completo rifacimento di un tetto di un edificio dei primi del NovecentoVenduta da M.E.TA., la Böcker AHK 30/1500 KS è una gru trainata in grado di fare la differenza in molte applicazioni. Soprattutto nei cantieri più difficili, dove lo spazio è poco e c’è bisogno di tanto sbraccio.

Il cantiere

Il cantiere in cui ha operato la Böcker AHK 30/1500 KS si trova a Novara. Nello specifico si è trattato del rifacimento completo delle coperture, per un totale di 350 metri quadrati in tegole marsigliesi, di una villa storica risalente agli anni Venti del secolo scorso. L’area di cantiere era resa difficile a causa di un cortile piuttosto stretto e per la necessità si sfruttare, come base di appoggio, anche il giardino.

Queste caratteristiche hanno praticamente imposto l’utilizzo della nuova Böcker AHK 30/1500 KS. “Quello di Novara”, ci spiega Davide Carlesso, titolare di Carlesso Coperture, “è l’ideale per una macchina di questo tipo. I pesi sono sopportati al 100%, la gru infatti non ha problemi a movimentare un carico di tegole da smantellare, allo stesso tempo viaggia molto bene anche con il legname (tavolati, perline, eccetera) e il sollevamento del bancale di tegole nuove non comporta alcun tipo di problema. Con la macchina piazzata in modo adeguato, con gli stabilizzatori alla massima estensione, è davvero un bel lavorare. Certo le cose cambiano in caso si debba operare con una stabilizzazione parziale, ma la cosa è normale. In questi primi mesi di utilizzo il suo lavoro lo sta facendo davvero bene”.

L’impresa e la scelta

Da sinistra: Massimo Vicentini, agente M.E.TA.; Daniele Tommasin, Responsabile Commerciale Böcker Italia; Davide Carlesso, titolare Carlesso coperture

Carlesso Coperture, con sede a Trecate in provincia di Novara, si occupa di smaltimento amianto, realizzazione di tetti tradizionali, lattoneria, linee vita e rifacimento coperture industriali. Attenta all’ambiente, negli anni si è specializzata anche nell’installazione di pannelli fotovoltaici, fornendo inoltre un supporto tecnico-amministrativo nella gestione delle pratiche richieste dagli Enti di Controllo territorialmente competenti, sempre nel rispetto delle normative vigenti in tale settore. Grazie a un team di posatori qualificati Carlesso dà la possibilità ai propri clienti di avere un prodotto finito di qualità, garantendo massima professionalità negli interventi, tempistiche rapide ed economicità nei lavori. Dapprima attiva solo in ambito territoriale, la società, che occupa 14 persone, si è sviluppata sino ad espandere la sua operatività – che spazia dal civile all’industriale – in tutto il Piemonte, nel nord Italia in generale e anche all’estero in caso di volumi particolarmente interessanti. Oltre alla macchina Böcker, il parco macchine di Carlesso comprende un autocarro tre assi con gru da 30 m, una piattaforma autocarrata da 21 m, un sollevatore telescopico da 25 m, un due assi attrezzato con gru da 15 m, un ragno cingolato da 16 m e vari autocarri di servizio. “La AHK 30/1500 KS che abbiamo recentemente aggiunto al nostro parco macchine”, interviene a proposito Davide Carlesso, “è stata scelta come un’efficace alternativa in caso di cantierizzazioni ad hoc, in cui abbiamo a che fare con piccoli spazi e abbiamo la necessità di una macchina dal peso ridotto. La gru, perfetta per lavorare sul civile, ci assicura in ogni caso un ottimo sbraccio e una notevole altezza. A pari metri di altezza il camion gru pesa 170 q e non può accedere a molti cortili, per questioni di peso e di ingombro, mentre con la gru Böcker non ci sono problemi. Inoltre, con il gancio traino è piuttosto pratica per il trasporto e ci permette di raggiungere gli 80 km/h durante i trasferimenti”.

Il noleggiatore

M.E.TA., che ha venduto a Carlesso la macchina protagonista di questo intervento, nell’ottica di un noleggio sempre più specializzato e professionale ha inserito nel suo parco nolo due gru cingolate Böcker RK/2400 e una gru carrellata AHK 30/1500 elettrica. Per completare il servizio M.E.TA. Rent non solo fornisce noleggio a freddo, ma esegue il noleggio di queste macchine con operatore formato e dotato di Pick-up adibito al traino e al posizionamento della Böcker carrellata. Il servizio si completa con i sopralluoghi per la verifica dei cantieri, la vendita e l’assistenza tecnica.

Focus sulla macchina


La AHK 30/1500 KS è una gru trainata con braccio principale e jib realizzati completamente in alluminio, una scelta che risponde a precise richieste in fatto di leggerezza e solidità strutturale.

Il braccio telescopico può essere orientato a 85°, mentre l’articolazione idraulica del jib permette di raggiungere i 160°. La massima apertura del jib avviene in soli 25 secondi. La macchina si caratterizza per la stabilizzazione a ragno automatica che, grazie al suo sistema di autolivellamento, consente l’impiego della gru praticamente in ogni situazione, anche in caso di eccezionali pendenze e grandi dislivelli. L’autolivellamento comprende anche la funzione di rientro automatico di serie con un sistema di stabilizzazione variabile: i quattro supporti a ragno possono essere impostati in modo indipendente in tre diverse angolazioni (0°/20°/60°).

Notevole la versatilità di guida grazie al rimorchio a due assi di serie. Il timone articolato con gancio traino riduce in modo significativo la lunghezza complessiva della gru, mentre la ruota di sostegno supplementare assicura la più agevole manovrabilità anche sui terreni più soffici e difficili. E se non bastasse la precisione dei movimenti è garantita dal radiocomando proporzionale. Le dimensioni (9,36 m di lunghezza e 2,38 m di larghezza e 2,53 m di altezza) fanno il paio con un peso particolarmente contenuto e agevolano l’utilizzo della macchina anche su aree verdi e su superfici delicate.
E’ alimentata da un potente motore diesel Yanmar da 15,5 kW, che consente anche lo spostamento motorizzato del trainato con controllo da radiocomando HBC di ultima generazione. Offre prestazioni di lavoro che si sintetizzano in una portata massima di 1.500 kg, con ottimizzazione delle portate a 360° e non solo posteriormente come è tradizionale in questo genere di macchine, di un’altezza massima di lavoro di 30 m e di uno sbraccio laterale massimo di 25 m, anche grazie a un jib estraibile meccanicamente da 4,80 a 9,10 m. Notevole la velocità del gancio che raggiunge i 50 m/min.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here