Un escavatore JCB recupera un bombardiere del D-Day

Il primo escavatore cingolato JS 360LR (long reach) prodotto da JCB con motore Isuzu conforme alle normative Stage IIIB/Tier 4 Interim, ha svolto un ruolo chiave nel recupero dei resti di un bombardiere Lancaster della Seconda Guerra Mondiale.

L’utilizzo dell’escavatore JCB JS360 LR, di proprietà della società francese di noleggio e ingegneria civile Christophe Beaussire di Catz, in Normandia, è stato concesso gratuitamente insieme ad altri due escavatori, un JS220 e un JS240, oltre a un caricatore telescopico Loadall e un trattore JCB Fastrac per completare il delicato lavoro di scavo finalizzato al recupero di un bombardiere Lancaster della Seconda Guerra Mondiale, abbattuto in Normandia nel D-Day, il 6 giugno 1944.Il luogo del disastro aereo, che è rimasto sconosciuto per quasi 70 anni, è stato individuato dall’archeologo e storico dell’aviazione britannica Tony Graves, che ha esplorato la zona dopo aver letto dello schianto di un caccia americano. Tuttavia, una volta individuato il sito due anni e mezzo fa, Graves ha scoperto circa 300 cartucce di fabbricazione britannica vicino al luogo dell’impatto, e un anello appartenuto al tenente Albert Chambers DFC di Normanton, nel Derbyshire, membro dell’equipaggio del Lancaster ND739.

Tony Graves ha ottenuto il permesso di scavare il sito dal proprietario del terreno e dal governo francese e ha cercato di trovare i resti dell’aereo lo scorso anno tramite un escavatore da 25 tonnellate, noleggiato da una ditta locale. Tuttavia, le condizioni del terreno erano così difficili che la stessa macchina ha dovuto essere recuperata dal sito prima del ritrovamento dell’aereo.
Grazie alla maggiore profondità di scavo del JS360 LR a braccio lungo, invece, l’impresa è stata in grado di scavare con attenzione il sito senza dover impegnare  gli escavatori nel terreno molle della zona di scavo.

Semplicemente, non ce l’avremmo fatta senza lo sbraccio maggiorato dell’escavatore JCB” – afferma Tony Graves – . “La macchina è stata essenziale per il successo delle operazioni, e ci ha permesso di scendere a una profondità di circa 30 metri.”

I resti dell’aereo saranno portati in un museo vicino a Utah Beach, dove verranno esposti insieme ad altri cimeli della seconda guerra mondiale. Tony Graves tuttavia continua la sua ricerca degli aviatori, tra i quali il comandante Carter DFC, il caposquadriglia Bryan Martin-Smith DFC, il tenente Albert Chambers DFC, il tenente Henry Jeffery DFM, il sergente Guy Dunning DFM, il sergente Frank Watson DFM, il tenente australiano Ronald Conley DFC e il tenente canadese Herbert Reiger.

Christophe Beaussire gestisce una flotta di oltre 60 escavatori JCB, che vengono utilizzati in progetti di ingegneria civile, oltre ad essere disponibili per il noleggio con o senza operatore. Fondata nel 1994, l’azienda ha più di 80 dipendenti e lavora in tutta la Francia. L’escavatore JS360LR è la più recente macchina JCB inserita nella flotta dell’impresa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here