Autobetoniere

Test in field con l’Energya verde di Cifa

Cifa per webPresso la Beton Eisack di Chiusa (B0lzano) si è tenuta ieri la presentazione  della nuova betoniera ibrida di Cifa, montata su camion Man, proseguita poi, sul campo, presso un cantiere di edilizia residenziale a Ortisei, sempre in provincia di Bolzano.

Energya, la prime betoniera ibrida plug in al mondo, declinata nei modelli E8 ed E9, elettrica e diesel insieme, rappresenta un unicum nel panorama delle macchine per la mescolazione del calcestruzzo. Si basa su un innovativo sistema  di movimentazione del tamburo che abbina i vantaggi della tecnologia tradizionale a quelli della tecnologia elettrica. CantiereIl movimento del tamburo, infatti,  è prodotto da un motore ad induzione elettrica  che riceve energia da una batteria agli ioni di litio. Le batterie possono essere caricate sia dalla rete elettrica  che mediante un generatore alimentato dal motore diesel del camion che consente il pieno funzionamento della betoniera anche a motore spento.

Energya è inoltre  dotata di KERS (Kinetic Energy Recovery System) che durante la fase di decelerazione dell’automezzo consente il recupero di energia.

Silenzio, si gira!

BetonUtilizzando l’energia elettrica delle batterie viene completamente azzerato il rumore del motore diesel nelle fasi di carico e scarico, con il risultato di ridurre il rumore della betoniera fino a 10 dB in meno rispetto a una betoniera tradizionale. Ciò consente alle imprese di aggiudicarsi anche lavori in ore notturne, in spazi urbani ristretti, in ambienti chiusi come capannoni e gallerie, anche grazie  all’assenza di gas di scarico.

Per monitorare e gestire costantemente ogni funzione della betoniera Energya è stata dotata di due interfacce di controllo: in cabina e sulla parte posteriore. Sul computer display si evidenzia, tra l’altro il flusso energetico delle batterie e tutta una serie di parametri vitali per il buon funzionamento della macchina.

MonitorGrazie al doppio sistema di ricarica, occorrono solo 18 minuti utilizzando la speciale colonnina di ricarica rapida progettata da Cifa  e installata presso l’impianto di betonaggio oppure 4 ore da qualsiasi presa industriale da 380 V, disponibile sia nell’impianto di betonaggio che in cantiere.

Un investimento intelligente che si ripaga nei consumi (- 27% con carica tramite rete elettrica, –  20% con carica tramite generatore). I tempi di ammortamento? 4/5 anni di utilizzo.

L’allestimento

CamionLa betoniera Energya vista al lavoro era montata su telaio Man TGS 41.440, con un frontale completamente ridisegnato dotato di paraurti in acciaio armoniosamente integrato.

Poiché il cemento è generalmente consegnato con contratti di fornitura just in time, nel trasporto dal cementificio al cantiere l’affidabilità e la rapidità si rivelano due fattori fondamentali. Alla redditività contribuiscono le massime prestazioni di trasporto. Per l’allestimento di autobetoniere e betonpompe l’offerta Man delle gamme TGM, TGS e TGS-WW comprende i modelli di autotelai più adatti, tra i quali figurano i trattori da strada per semirimorchi autobetoniere.

Nell’offerta di prodotti Man per il segmento 8×4 troviamo tre varianti della gamma TGS: il veicolo da 32 tonnellate, dal peso ottimizzato, offre l’aumento di carico utile più vantaggioso, quello da 35 tonnellate si distingue per la bassa tara e le maggiori riserve di carico e infine quello da 41 tonnellate si presta per l’impiego nella categoria Heavy Duty.

Per queste attività specifiche del settore, Man offre autotelai per autobetoniere con configurazione a due, tre e quattro assi.

Con il veicolo da 32 tonnellate della gamma TGS, Man mette a disposizione dei clienti un carico utile particolarmente elevato.

Nonostante tutti i modelli di questa categoria siano offerti nella versione ad altezza normale, sono idonei anche per l’attraversamento di strade sterrate nei cantieri. Il paraurti in acciaio e la stabile barra para incastro sono infatti in grado di far fronte a qualche eventuale involontario contatto con il terreno. Gli assali a riduzione epicicloidale altamente resistenti offrono un’elevata distanza dal suolo. I veicoli da 35 e 41 tonnellate della gamma Man TGS sono inoltre disponibili anche nella versione medio-alta con fino a sette centimetri in più di distanza dal suolo. I motori Man eroganti un’alta coppia dispongono di un’adeguata gestione del motore e di una preselezione del regime dello stesso per l’utilizzo dell’autobetoniera. Inoltre, la combinazione dei motori della gamma Man TGS con il retarder primario Man PriTrader® garantisce un’elevata potenza frenante e una sicurezza ottimale anche a basse velocità di marcia.

 

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here