Mini dumper

Mini dumper Kato: tutti made in Italy

I minitrasportatori, meglio conosciuti come mini dumper, e i dumper, sono macchine da cantiere che danno un grande aiuto al lavoro degli operai e all’organizzazione del cantiere stesso. Consentendo a un solo operatore di svolgere più mansioni, velocizzano il lavoro e sono uno strumento valido per trasportare materiale senza fatica da un punto all’altro del cantiere. Caratterizzati da motori potenti e da notevole capacità di carico, sono in grado di attraversare qualsiasi percorso impervio e offrono tutta la sicurezza possibile grazie alla loro tecnologia. Ottimizzano i tempi di lavoro e possono essere scelti in modelli diversi secondo le esigenze cantieristiche. Cingolati (e in alcuni casi anche gommati), attrezzabili con pala autocaricante, betoniera, cassone per edilizia, serbatoio per liquidi, pianale trilaterale, ecc., sono modulabili per ogni situazione. Siamo stati a San Gimignano (SI) nella sede di Kato Imer, azienda specializzata in miniescavatori, skid loader, minidumper, crawler carrier, e martelli idraulici, e abbiamo incontrato il direttore commerciale e marketing Igino Elefante che, soffermandosi sulla linea Carry, macchine sempre più di riferimento e di successo per il mercato italiano ed estero, ne ha evidenziato caratteristiche tecniche e punti di forza.

Ampliamento di gamma

Igino Eefante

Come ci spiega Elefante, nella produzione di mini dumper l’azienda è ai primissimi posti in Italia ed Europa. In particolare la linea Carry, interamente realizzata in Italia, si è arricchita nel corso degli anni e oggi ha raggiunto un livello di completezza tale per cui è in grado di soddisfare qualsiasi esigenza in cantiere, inoltre ricopre ora una porzione importante di fatturato e di volume di produzione per l’azienda senese. Negli ultimi anni con queste macchine è stato possibile ottenere un record di produzione, e quest’anno è stato superato il limite delle 500 unità prodotte. “Va sottolineato, aggiunge Elefante, che nessuno tra i grandi player del settore movimento terra, produce in proprio minidumper: sono tutti commercializzati in base ad accordi OEM con piccoli e medi costruttori italiani. Le nostre macchine invece sono tutte immesse sul mercato a marchio Kato Imer, e non produciamo conto terzi”. L’ampliamento di gamma dei minidumper, avvenuto in Kato Imer gradualmente nel corso degli anni, è andato incontro alle manifeste esigenze di clienti italiani ed esteri. Ne è esempio il minidumper con scarico alto, che ancora non esisteva come proposta, e che invece in breve tempo è diventato la macchina di punta.

Il mini dumper ecologico

Nella gamma di minidumper evidenziata da Elefante, spicca sicuramente il Carry105 Electricpower, soluzione ideale per soddisfare le esigenze di movimentazione di materiale all’interno di luoghi chiusi come le serre, adatto nella vivaistica e nell’agricoltura, per tutti quei luoghi sensibili come scuole, ospedali e in ambienti poco ventilati dove si rende indispensabile lavorare senza gas, fumi e rumori nel pieno rispetto dell’ambiente. Dotato di motore elettrico a corrente continua (DC) accoppiato a una pompa idraulica, garantisce una velocità di avanzamento max di 2 km/h, e un selettore consente di impostare due modalità di uso «Normale»- «Veloce» per una migliore manovrabilità e una riduzione dei consumi. La tecnologia delle batterie al Litio-Ferro-Fosfati consente una elevata capacità e velocità di carica, un numero elevato di cicli di carica/scarica, piena potenza anche con bassi livelli di carica, peso contenuto e assenza di manutenzione rispetto alle tradizionali batterie al piombo. Per ottimizzarne le prestazioni, la durata, la ricarica totale e rapide fasi di ricarica parziale durante le pause lavorative il funzionamento è gestito da un sistema elettronico completo di display per la diagnostica, monitoraggio continuo delle funzioni e controllo carica residua. Con una larghezza massima di 690 mm, la Carry105 Electricpower può accedere ad aree inaccessibili, può attraversare porte standard e fabbricati per raggiungere giardini interni difficilmente raggiungibili.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here