Gru tuttoterreno

Grove GMK5250L: la punta di diamante di Manitowoc

pee webManitowoc presenta una nuova gru tuttoterreno Grove per il mercato mondiale, un modello che offre numerose innovazioni esclusive e funzionalità avanzate. La Grove GMK5250L da 250 t di portata si avvale dello sbraccio e del diagramma di carico più potenti di tutte le gru a cinque assi. A questo si aggiunge la migliore manovrabilità possibile e il massimo comfort di guida, offerti grazie all’integrazione di una turbo frizione VIAB e di un ritardatore incorporato, che la rendono la prima autogru a montare il sistema.

Il modulo della turbo frizione VIAB consente di eliminare sia il surriscaldamento dei fluidi che la bruciatura della frizione, attivando nel contempo il nuovo standard di partenza e frenatura senza usura. Consente inoltre di ridurre il consumo di carburante che sulla GMK5250L è stimato al 30% circa in meno rispetto al modello precedente, ossia a quello della GMK5220.

DestraL’aggiunta della “L” al nome del modello per la GMK5250L indica l’appartenenza alla categoria di gru tuttoterreno a braccio lungo e in questo caso si tratta di un imponente braccio principale da 70 m, che include inoltre la tecnologia Megaform di Grove che ne potenzia forza e stabilità. Grazie all’elevata lunghezza del braccio, la GMK5250L è in grado di offrire un maggiore sbraccio sia in verticale che in orizzontale rispetto alle altre gru della sua categoria, consentendo ai proprietari di proporsi per una gamma più ampia di progetti con la gru.

Per potenziare lo sbraccio complessivo la macchina si avvale di un braccio articolato girevole a comando idraulico da 21 m, che può essere esteso con una prolunga del braccio da 8 m, due inserti del braccio articolato da 8 m o una combinazione di entrambi per una lunghezza totale possibile del braccio articolato pari a 37 m. Per un utilizzo ottimale, il braccio articolato completo può essere azionato anche mentre la gru lavora con il braccio esteso alla lunghezza totale di 70 m. Un altro vantaggio del braccio articolato è la sua capacità di offrire un maggiore disassamento che arriva a 50° rispetto ai normali 40o delle altre gru Grove della categoria, inoltre è disponibile un braccio articolato per servizio pesante integrato opzionale.

DestraJens Ennen, vicepresidente senior senior gru tuttoterreno ed autogru di Manitowoc, ha indicato che la nuova GMK5250L riunisce in sé molti anni di miglioramenti e innovazioni sviluppati nello stabilimento di Wilhelmshaven, in Germania, in cui viene prodotta la gru.

“Questa nuova gru Grove è dotata di funzionalità innovative che adotteremo anche su altre nuove gru, aggiungendole di serie e offrendo pertanto ai nostri clienti un ulteriore valore aggiunto,” ha spiegato. “Le caratteristiche di progettazione che abbiamo introdotto e che dapprima hanno alzato il livello nell’innovazione per il settore delle tuttoterreno, stanno ora diventando il nostro standard. Continuiamo a lavorare con la tecnologia più avanzata e questo ci terrà all’avanguardia nell’efficienza e nella progettazione di autogru.”

La Grove GMK5250L è progettata per garantire l’efficienza, per offrire agli utenti una gru estremamente versatile, dotata di tutte le ultime le innovazioni disponibili. Gli operatori si sentiranno a proprio agio nella cabina della sovrastruttura della nuova Grove GMK5250L, dotata del sistema di comando della gru (CCS, Crane Control System) e della nuova modalità di configurazione del braccio (Boom Configurator Mode). Il CCS standardizzato è un’interfaccia intuitiva che Manitowoc sta inserendo in tutti i nuovi modelli di gru tuttoterreno, nonché nelle gru cingolate, nelle gru fuoristrada, nelle autogru e nelle gru a torre. I componenti del sistema CCS e il software operativo sono stati appositamente progettati, sviluppati e testati dai team di progettazione e innovazione di Manitowoc in tutto il mondo per garantire i più elevati standard di affidabilità. La cabina presenta inoltre un nuovo jog dial ergonomico e nuovi joystick.

La modalità di configurazione del braccio estremamente intuitiva velocizza e agevola la selezione della posizione ottimale del braccio per un sollevamento specifico. L’operatore immette i parametri di sollevamento, ovvero raggio, carico e distanza di spostamento, e il sistema calcola la configurazione ottimale del braccio. Una volta selezionata l’opzione preferita, il braccio si estende automaticamente della lunghezza necessaria.

SinistraLa GMK5250L utilizza un motore singolo, un concetto introdotto da Grove sulla Grove GMK6400, un modello che ha riscosso notevole successo. Sulla GMK5250L viene utilizzato un motore diesel a sei cilindri Mercedes-Benz OM471LA piattaforma finale Tier 4/EUROMOT 4 con potenza nominale di 390 kW (520 hp) e coppia massima di 2,460 Nm. Il motore comanda la motrice e alimenta la sovrastruttura e sulla GMK5250L questo viene gestito tramite una semplice e affidabile scatola ingranaggi ad angolo. Un motore singolo comporta un consumo di carburante inferiore durante l’esercizio, peso complessivo ridotto e meno manutenzione, per cui la gru risulta molto più conveniente.

Grazie alla sua configurazione da 12 t per assale e alle dimensioni idonee per la circolazione su strada in tutto il mondo, la Grove GMK5250L si presenta come una gru compatta in grado di offrire ottime prestazioni su strada. Rispetto alla GMK5220, la stazza lorda del veicolo è stata ridotta per offrire ai clienti più opzioni di trasporto, compresa la capacità di trasportare più attrezzature sulla gru. È stata prestata particolare attenzione alla corretta distanza del gruppo dell’assale e specialmente al fatto che questo supera gli 8 ft (2,4 m), un rigido requisito per la circolazione su strada delle autogru nel Nord America. La gru vanta ulteriori caratteristiche progettuali che ne agevolano gli spostamenti nei paesi con requisiti di carico sull’asse più rigidi, come gli USA, il Canada, la Norvegia, l’Australia e il Giappone.

All’estremo opposto invece, ossia nei paesi in cui i requisiti locali di carico sull’asse sono inferiori a 16.5 t (ad esempio nel Regno Unito), la gru può circolare in autostrada con un contrappeso massimo di 21 t. Dal momento che gran parte delle altre gru di questa categoria nel Regno Unito sono limitate a un contrappeso di 12 t per la circolazione su strada, la Grove GMK5250L offre eccezionali vantaggi per i diagrammi di carico che arrivano fino al 50%.

 

testoUna volta in cantiere, la gru può essere spostata con tutto il suo contrappeso da 80 t consentendo un notevole risparmio di tempo che altrimenti si dovrebbe impiegare allestendo o rimuovendo le sezioni del contrappeso. Inoltre, alcune delle lastre del contrappeso sono intercambiabili con quelle della GMK6300L, ottimizzando la logistica e riducendo i costi di trasporto per i clienti. È disponibile anche un argano ausiliario ad allestimento automatico che elimina la necessità di impiegare una gru ausiliaria durante l’allestimento in cantiere.

I movimenti in cantiere sono agevolati dall’integrazione della sospensione indipendente brevettata Megatrak di Grove nonché dal sistema di sterzatura integrale, per cui durante lo spostamento non occorre sollevare alcun assale, un fattore anche questo che consente il trasporto del peso ottimale del contrappeso. Un’altra soluzione adottata sulla GMK5250L, e già inserita sui modelli GMK6300L e GMK6400, è l’interfaccia uomo-macchina (MMI). Grazie alla MMI è possibile controllare la sospensione anche in posizione di blocco.

“Il tasso di rendimento sugli investimenti del cliente è stato uno degli elementi essenziali nello sviluppo di questa macchina innovativa,” ha dichiarato Jens Ennen. “Per creare una gru estremamente versatile adatta all’uso in cantieri di tutto il mondo, era essenziale concentrarsi sulle caratteristiche tecniche e i diagrammi di carico. I clienti possono aspettarsi tassi di utilizzo elevati anche con questa gru in quanto prevediamo ottimi livelli di affidabilità. Riteniamo che la GMK5250L continuerà a calcare la strada del successo avviata dagli altri modelli Grove introdotti negli ultimi anni, come la GMK6300L che è uno dei più noti modelli di gru tuttoterreno di tutti i tempi.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here