Grandi opere

Grand Paris Express: avviati i lavori

Crediti fotografici Société du Grand Paris

Salini Impregilo ha avviato i lavori per la realizzazione della linea 16 del Grand Paris Express, lotto 2. Servirà numerosi comuni delle aree a nord e ad est della grande area metropolitana Grand Paris.

Lavorare a Parigi ad un secondo progetto nell’ambito del Grand Paris Express è per noi motivo di grande orgoglio. Per il ruolo strategico che il sistema di trasporto riveste per la città e per la visione di lungo periodo che ha ispirato la realizzazione della più imponente iniziativa di mobilità sostenibile in Europa” ha dichiarato Pietro Salini, AD di Salini Impregilo.  “Per noi questo progetto rappresenta un punto di partenza per continuare ad investire nel paese. E condividere un know how acquisito nel settore metro con la realizzazione di oltre 400 chilometri di linee metropolitane nel mondo. Da New York a San Pietroburgo, e in alcuni dei progetti piu sfidanti che oggi stiamo realizzando, da Cityringen a Copenhagen alle metro di Riyad, Doha, Milano, Lima.”

I lavori in dettaglio

Crediti fotografici Société du Grand Paris

I lavori previsti hanno un valore di 718,8 milioni di euro. E comprendono lo scavo di 11,1 chilometri di tunnel e la costruzione di quattro stazioni (Aulnay, Sevran- Beaudottes, Sevran-Livry et Clichy-Montfermeil), oltre ad 11 opere ausiliarie. Si aggiungono al contratto vinto a marzo in joint venture con Nouvelles Générations d’Entrepreneurs, sempre nell’ambito del Grand Paris Express, per l’estensione della linea 14 del Grand Paris Express fino all’aeroporto di Orly. I due progetti segnano il ritorno del Gruppo in Francia, più di 20 anni dopo i lavori eseguiti tra il 1992 e il 1998 per la metro di Parigi sulla linea Est-Ouest Liaison Express (EOLE) e sulla linea METEOR (Metro Est-Ouest Rapide).

Vogliamo crescere in Francia con partner francesi  e diventare noi stessi una impresa locale. Per noi la Francia rappresenta uno dei paesi chiave nella nostra strategia di consolidamento di lungo periodo in Europa nel settore delle infrastrutture. Prevediamo di coinvolgere nei lavori sia piccole e medie imprese locali che maestranze dell’area, creando occupazione anche per persone attualmente senza impiego. Il 20% del valore totale del contratto verrà assegnato a subappaltatori locali, con l’inclusione di categorie svantaggiate, per un minimo del 5% del totale delle ore lavorate per il lotto” ha concluso Pietro Salini.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here