L’universo a emissioni zero di Wacker Neuson

Dal 16 al 21 giugno 2018 Wacker Neuson ha dimostrato cosa è già oggi possibile nel settore della tecnologia meccanica e cosa sarà possibile in futuro.

Nello stabilimento produttivo austriaco di Hörsching, a Linz, clienti, si sono dati appuntamento rivenditori ed esperti di tutta la regione EMEA. E hanno imparato a conoscere le più recenti macchine zero emission, provare prodotti e soluzioni digitali e scambiarsi idee.

Uno stabilimento all’avanguardia

Gli escavatori e i dumper Wacker Neuson vengono sviluppati e prodotti nello stabilimento di Hörsching. Dalla sua costruzione nel 2012, lo stabilimento è considerato fra i più moderni al mondo nel settore della meccanica. Ogni anno vengono prodotte circa 17.000 macchine.

Siamo lieti che siano venuti ospiti da tutta la regione EMEA per vivere personalmente l’universo Wacker Neuson. Dalla produzione alle più recenti macchine zero emission, fino alle possibilità di assistenza e alla realtà virtuale. La vicinanza ai nostri clienti, rivenditori e partner fa parte del DNA dell’impresa e questo evento sottolinea quanto sia importante lo scambio di idee” riassume Alexander Greschner, Responsabile della distribuzione di Wacker Neuson SE.

Zero emission: il futuro è adesso

Già oggi Wacker Neuson è molto più avanti rispetto alle disposizioni di legge sulla riduzione delle emissioni. Accanto alle macchine convenzionali, le cui emissioni sono già più ridotte di quelle di un’auto, offre già oggi un’intera linea zero emission. Che consente di gestire un cantiere cittadino completamente senza emissioni e con poco rumore.

La coerente trasformazione della linea a emissione zero di Wacker Neuson è una logica conseguenza se si guarda al futuro. Le disposizioni di legge si stanno evolvendo in direzione per ridurre le emissioni anche nell’ambito dei macchinari di costruzione. Noi andiamo ancora oltre e offriremo almeno un prodotto zero emission in ogni gruppo di prodotti principale” dichiara Martin Lehner, AD del Wacker Neuson Group. “Il requisito per l’introduzione sul mercato è che si possa contare sulla macchina per l’intera vita utile. E che la sua gestione sia economica. Per questo la carica della batteria deve essere sufficiente per un’intera giornata di lavoro”.

Macchine elettrizzanti

Il miniescavatore Zero Tail completamente elettrico EZ17e ha suscitato molti consensi ed entusiasmo. Il mini da 1,7 tonnellate si adatta particolarmente agli ambienti nei quali è necessario evitare quanto più possibile emissioni di gas di scarico e di rumori. Per esempio in città, durante i lavori negli edifici e gallerie o nelle vicinanze di scuole e ospedali.

Il più recente membro della famiglia zero emission è il dumper gommato elettrico DW15e con trazione integrale e carico utile di 1,5 tonnellate. È particolarmente adatto per il trasporto di materiali, soprattutto dove i lavori devono essere eseguiti senza emissioni e possibilmente con poco rumore. Il DW15e è equipaggiato con un proprio motore elettrico per la trazione e per l’idraulica di lavoro. Serve a gestire le prestazioni in base al fabbisogno e in modo indipendente e per minimizzare il consumo di energia. Durante la frenata nella macchina o in discesa, l’energia viene nuovamente alimentata nell’accumulatore. La batteria esente da manutenzione viene fornita con caricabatterie integrato, che può essere inserito in una presa domestica tradizionale. Sia il modello EZ17e sia il DW15e saranno disponibili dal 2019.

Mente digitale

Da Wacker Neuson la digitalizzazione ha preso piede da tempo. Ad esempio nello sviluppo dei prodotti, nella produzione o in forma di soluzioni intelligenti per i clienti. I visitatori hanno potuto accertarsene personalmente durante la presentazione dei servizi e Hololens. La nuova soluzione telematica con propria app per un servizio assistenza ottimale è stata accolta favorevolmente. Così come l’offerta digitale nel settore della manutenzione e riparazione. Un intervento assistenziale simulato ha dimostrato in modo impressionante come esperti in remoto possono guidare l’intervento di un tecnico dell’assistenza direttamente sulla macchina per ripararla. Tramite simulatori di realtà virtuale un’altra stazione ha consentito ai clienti di vedere e utilizzare prodotti in uno stadio di sviluppo molto precoce per poter così fornire un feedback diretto.

Un video a 360° ha completato l’esperienza digitale. E ha consentito ai visitatori di immergersi virtualmente nel mondo zero emissioni di Wacker Neuson e di ammirare come sia possibile gestire un cantiere in aree sensibili come uno zoo in modo silenzioso e senza emissioni.

Novità da toccare con mano

Wacker Neuson ha anche presentato per la prima volta la nuova pala gommata da 9 tonnellate WL95. La più grande pala gommata nell’assortimento consente di movimentare materiali particolarmente pesanti, come richiesto in particolare da grandi imprese edili e aziende di riciclaggio. Con il nuovo cambio ecospeedPRO, un cambio idrostatico continuo, la WL95 può circolare senza cambi di marcia fino a 40 km/h. E possiede inoltre una forza di trazione superiore rispetto ai modelli comparabili. La WL95 sarà disponibile da ottobre.

Inoltre è stato possibile testare per la prima volta i nuovi dumper gommati dual view di Wacker Neuson, che saranno disponibili nella classe da sei e dieci tonnellate. Dual view è l’innovativo concetto di sedile girevole che ridefinisce la sicurezza nei cantieri. Grazie a una rotazione di 180° gradi dell’intera console di comando e del sedile, l’utente ha sempre una perfetta visibilità in direzione di marcia, durante il trasporto, il carico e lo scarico. I dumper gommati di Wacker Neuson possono svolgere tutte le classiche operazioni di trasporto, ma offrono anche ulteriori vantaggi. Grazie al loro giunto articolato oscillante sono nettamente più maneggevoli e adatti a tutti i tipi di terreno di un camion. Anche a pieno carico e soprattutto su fondi sconnessi mantengono sempre il contatto con il terreno e un’ottima trazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here