Ready for the digital world?

Ready for the digital world?

La trasformazione digitale nel settore delle costruzioni

26 novembre 2020, alle 10

In occasione del suo quarantesimo anniversario la rivista Macchine Edili organizza un evento speciale dedicato alla trasformazione digitale in atto nel settore delle costruzioni.

Una rivoluzione epocale che modifica radicalmente l’interfaccia uomo/macchina e che impone a imprese e operatori un nuovo approccio alla gestione del cantiere.

La manifestazione prevede un ricco panel di relatori che spiegheranno come le nuove tecnologie migliorino la vita degli operatori, aumentino produttività e sicurezza, diano una mano alla sostenibilità e all’economia dei costi di gestione. Non bisogna quindi temerle ma conoscerle e saperle utilizzare come una nuova possibilità di business.

Gli approfondimenti

Il Progetto DigiPLACE e l’impatto sulle macchine

Alberto Pavan, responsabile DigiPlace Politecnico di Milano

Partendo dal contesto strategico di digitalizzazione dell’economia supportato dalla Commissione Europea, Alberto Pavan introdurrà DigiPLACE, con la forte compagine italiana e la leadership del Politecnico di Milano. Il Prof. Pavan spiegherà il carattere comprensivo e consensuale del consorzio di gestione del progetto che non vuole creare una piattaforma digitale unica in Europa, ma una serie di linee-guida e denominatori comuni per aggregare i dati provenienti dalle piattaforme esistenti e future in tutte le fasi del “costruire”, in modo da aumentare la produttività e la sostenibilità della filiera construction. 

Il ruolo del CECE del progetto DigiPLACE

Riccardo Viaggi, segretario generale del CECE

Partendo dal lavoro che CECE ha fatto sin dal 2018 sul tema della digitalizzazione delle macchine da costruzioni, Viaggi spiegherà perché l’associazione di categoria ha deciso di investire in DigiPLACE per cercare di spingere la condivisione dei dati provenienti dalle macchine.

Sikuro. Una start up che parla digitale

Walter Licini e Impresa Percassi

Figlio d’arte, con il cantiere nel cuore, Walter Licini (33 anni) con una start up innovativa porta la digitalizzazione in cantiere. E crea Sikuro per una sicurezza a 360°. Racconterà la nascita di un’intuizione e, con l’aiuto dell’Impresa di costruzione Percassi vedremo come l’introduzione delle tecnologie digitali in cantiere abbia semplificato la burocrazia e aumentato sicurezza e produttività.

Macchine Intelligenti. Quali vantaggi?

Alberto Filocamo, Sales Product Specialist, Komatsu Rete Italia

Tutti i costruttori che producono macchine movimento terra hanno nel ventaglio delle loro proposte prodotti altamente tecnologici in grado di rivoluzionare le attività in cantiere. Oltre ad adottare propulsioni alternative, queste “smart machines” grazie a software particolarmente evoluti, dialogano costantemente con l’operatore e gli consentono di lavorare non solo in maniera più confortevole ed ergonomica, ma di ottenere risultati ottimali in termine di prestazioni.

Game Changer. Come cambia la comunicazione uomo/camion

Gianenrico Griffini, Presidente International Truck of the Year

L’evoluzione della strumentazione dei camion pesanti negli ultimi decenni è direttamente collegata al processo di digitalizzazione dei parametri di funzionamento dei veicoli. I cambiamenti progressivamente introdotti nei cluster strumenti sono, infatti, un indice significativo della crescente complessità dell’architettura elettronica che governa tutti gli aspetti dei mezzi di trasporto.

IA e umanesimo digitale

Prof. Viola Schiaffonati, Politecnico di Milano

La digitalizzazione apre opportunità senza precedenti, ma pone anche serie preoccupazioni. Le tecnologie digitali stanno minando la società e mettendo in discussione la nostra comprensione di cosa significhi essere umani. La posta in gioco è alta e l‘obiettivo di costruire una società giusta e democratica in cui le persone siano al centro del progresso tecnologico è una sfida da affrontare con determinazione e inventiva scientifica.

Comau MATE fit for workers: la nuova tecnologia indossabile

Maria Elena Ortolani, Sales Account Wearable Robotics
Ing. Elena Corsi, Product Marketing Manager esoscheletro MATE

Il concetto di esoscheletro e l’esoscheletro per gli arti superiori MATE, sviluppato da Comau per supportare il lavoro degli operatori industriali, riducendone l’affaticamento fisico è utilizzabile anche in applicazioni edilizie.

Registrati all’evento virtuale

Sponsored by

Bobcat
Leica
SIKURO