Consegne

Una Liebherr LR 1750 va in…Paradiso

Da sx Florian Maier (Liebherr-Werk Ehingen GmbH), Fabio Fenzi (Liebherr Italia spa), Michele Paradiso (Fratelli Paradiso), Bernd Rechtsteiner (Liebherr-Werk Ehingen GmbH)

Nuovo colore, nuovo proprietario, qualità comprovata. La società italiana di noleggio gru Fratelli Paradiso srl ha acquistato una gru cingolata usata LR 1750 dalla Liebherr. La macchina  sarà utilizzata per il montaggio di turbine eoliche.

Il comproprietario Michele Paradiso è giunto nello stabilimento della Liebherr ad Ehingen a marzo per prendere in consegna personalmente la LR 1750.

Una scelta motivata

“Abbiamo deciso di acquistare questa gru cingolata usata LR 1750, in quanto già lavoriamo con enorme successo con una gru tralicciata LG 1750.Che, con nostra grande soddisfazione, è presente all’interno del nostro parco macchine”, spiega Michele Paradiso  “Con l’acquisto di questa gru usata, abbiamo ora la possibilità di interscambiare alcuni elementi tra le due gru da 750 ton. A seconda delle esigenze del cantiere, possiamo fornire la gru più adatta – su cingoli o su ruote”. La LR 1750 è ora la gru cingolata più grande della loro flotta. Con la gru cingolata da 750 ton siamo ora in grado di muoverci sotto carico. Per questo motivo la useremo in futuro per l’assemblaggio di turbine eoliche mentre la LG 1750 verrà utilizzata per le applicazioni industriali in cui non è richiesto alcun movimento” .

I protagonisti

Liebherr offre una vasta selezione di autogru e gru cingolate. Un tecnico esperto di gru controlla accuratamente ogni unità prima della vendita per garantire la massima sicurezza anche per quanto riguarda le gru usate.

Fratelli Paradiso è stata fondata nel 1967 da Vito Paradiso. L’azienda di famiglia è gestita dalla seconda generazione, da Michele, Francesca e Silvia. L’azienda gestisce attualmente 25 gru a Canosa di Puglia, impiega 50 persone ed è specializzata nel noleggio di gru e nel trasporto pesante.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here