Iniziative

Nacanco: così il noleggio diventa arte

Spesso le attrezzature di Nacanco trovano applicazione in settori inusuali, completamente diversi da quelli tradizionali dell’edilizia, dell’impiantistica industriale, della cura del verde pubblico o della cartellonistica stradale. Sono molte le opere d’arte realizzate negli anni, in cui le piattaforme aeree Nacanco hanno un ruolo di primo piano, spesso come mezzi per la realizzazione e lo smontaggio dell’opera, ma anche come supporto per murales e graffiti, o addirittura come parte integrante dell’opera stessa.

Il murale di Orzinuovi

Il progetto Convivium, realizzato dallo street artist Davide Tolasi, è nato per iniziativa dell’amministrazione comunale di Orzinuovi (BS), che ha fortemente voluto la realizzazione di quest’opera. È stato così dipinto  un grande murale di 150 metri che occupa una parete perimetrale della palestra dell’edificio scolastico di Orzinuovi , per cui hanno fornito un contribuito di rilievo due importanti sponsor, fra cui l’azienda AB Impianti che ha noleggiato la verticale elettrica da 10 metri di Nacanco utilizzata dall’artista. “Il murale – spiega l’autore dell’opera – affronta in modo non convenzionale il tema della guerra. Non di una in particolare, ma nell’accezione generale, traducendo in chiave contemporanea il significato della memoria e della pace”. I personaggi raffigurati sul murale – due soldati, un anziano, una donna – sono ispirati alla gente di Orzinuovi, che ha vissuto in prima persona l’esperienza del secondo conflitto mondiale o ai racconti di guerra tramandati da una generazione all’altra.

“Alla base del lavoro c’è la voglia di interagire con le persone del posto, creare una rete di relazioni tra bambini, adolescenti ed adulti; questo è lo spirito essenziale per chi vuole praticare quest’arte” così Davide Tolasi.

Le opere di street art, murales o graffiti, sono impiegate spesso in progetti di riqualificazione ambientale oppure inserite in programmi con tematiche sociali; in queste occasioni vengono frequentemente noleggiate piattaforme Nacanco, per permettere agli artisti di raggiungere le altezze desiderate.

La palafitta tecnologica del Centro Luigi Pecci di Prato

Al Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato, un carrello telescopico da 8 metri di Nacanco è diventato parte integrante di un’opera dell’artista-architetto greco Aristide Antonas. L’attrezzatura, posta all’ingresso della mostra ‘La Fine del Mondo’, sorreggeva,  una palafitta tecnologica, un’unità abitativa immaginata da Antonas  in un futuro post-catastrofe. “L’artista-architetto greco – spiega Fabio Cavallucci, Direttore del Centro Pecci – è un visionario, che realizza immagini e progetti che appartengono a un mondo dopo la fine. In questo contesto la palafitta, che è una delle prime tipologie d’abitazione umana, diventa, nel futuro post-catastrofe di Antonas, un’entità tecnologica che racchiude in se le conoscenze di secoli di storia. Il braccio meccanico che la sorregge è l’espressione di questa tecnologia e diventa, perciò, parte integrante dell’opera stessa”.

Nacanco, prescelta dal Centro Pecci per la qualità dei servizi e per la vicinanza alla sede della mostra, è stata anche Supporter dell’evento inaugurale, a testimonianza dell’impegno concreto della società per il sostegno delle attività culturali, artistiche, didattiche e sociali promosse dal Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci.

Nacanco: mission Noleggio

Attiva nel mercato italiano dal 2001, Nacanco è l’azienda leader in Italia nel noleggio di mezzi per il sollevamento aereo. La crescita sostanziale è iniziata nella seconda metà degli anni Duemila ed è proseguita con importanti incrementi annuali, grazie alla continua implementazione del parco macchine, così come di collaboratori altamente qualificati. Nacanco oggi è forte delle sue 14 sedi operative, ed è una realtà capace di mettere in campo oltre 2.400 macchine e uno staff di 165 dipendenti. Questa importante evoluzione della sua offerta è il risultato di un’oculata gestione manageriale e amministrativa che ha molto puntato sulla diversificazione del parco macchine, sulla creazione di un servizio di assistenza a 360° sempre puntuale ed efficiente, che accompagna il cliente dalla fase della scelta della macchina fino alla fine del suo utilizzo. Nacanco è anche particolarmente impegnata nella sua opera di sensibilizzazione sul tema della sicurezza nell’uso delle macchine. La sua attività formativa, gestita da “Nacanco Service”, è pressoché continua ed è utilizzata da centinaia di professionisti del settore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here